“Ci vuole uno scatto d’orgoglio” dice Stefano Bartolucci, del ristorante RossoDiVino di Valmontone, che da qualche giorno ha riaperto a pranzo facendo chef, lavapiatti, cameriere e cassiere

Avete mai visto un ristoratore che prende la comanda, cucina, serve, sta alla cassa, lava i piatti e poi ripulisce e sistema tutto? Non è il “genio della lampada”. È Stefano Bartolucci, titolare del ristorante RossoDiVino di Valmontone che in questi giorni ha deciso di andare controcorrente. Mentre in tutta Italia i ristoratori stanno preparando la protesta del venerdì sera chiamata #ioapro, a Valmontone le cose andranno diversamente. Da quando il Lazio è tornato zona gialla, il noto chef ha deciso di andare controcorrente.

Bartolucci: “Ecco perché non aderisco a #ioapro. Serve uno scatto d’orgoglio”

“Serve uno scatto d’orgoglio e non si tratta di fare i negazionisti o gli antinegazionisti ma di far ripartire il settore in sicurezza” racconta Bartolucci che aggiunge: “È vero che stiamo soffrendo ma la scelta di non aderire a #ioapro è per non vanificare gli sforzi fatti fino ad ora al massimo sarebbe meglio lasciare le luci accese all’interno del locale continuando a fare il delivery ma senza far sedere nessuno nella sala”.

“È quasi un anno che stiamo praticamente chiusi – prosegue il ristoratore di Valmontone – ed ora che sono praticamente tutti aperti dobbiamo far capire che anche nei ristoranti si può lavorare e mangiare in sicurezza. Abbiamo attuato tutte le precauzioni richieste ed ora è il momento di lavorare: io lo sto facendo in solitaria perché con pochi clienti non si sostengono le spese dei dipendenti, che sono rimasti in cassa integrazione”.

Così chi andrà a pranzo a RossoDiVino vedrà un ristoratore in mille ruoli. “Non è facile tenere il ritmo, controllare tutto e soddisfare i clienti – spiega Bartolucci – però in questa situazione così difficile qual è l’alternativa?”. E così il titolare si trasforma in lavapiatti, cuoco, cameriere e cassiere proprio in un momento in cui i suoi piatti hanno ottenuto una notorietà mondiale.

La citazione sul sito di Gordon Ramsay

A novembre Bartolucci è arrivato a una notorietà mondiale. Il sito dello chef statunitense Gordon Ramsay ha infatti pubblicato la foto di un piatto del ristoratore valmontonese. La citazione è arrivata all’interno di una campagna di Riso Testa e la foto del risotto era proprio quella del piatto preparato da Bartolucci. Una delle ricette consegnate a Torino insieme al delivery organizzato da Riso Testa era infatti dello chef di Valmontone.

Metti "Mi piace" per rimanere aggiornato

Non perderti nemmeno una notizia Seguici su Google News

Lascia un commento

Comments are closed.