Al centro storico di Artena un centro di assistenza per la popolazione: è il progetto degli scout di Artena finanziato dalla Regione Lazio. Previsto anche un corso BLSD per i residenti. Per promuovere la creatività giovanile quattro bandi che finanzieranno altrettante idee di giovani tra i 16 e i 28 anni del distretto Asl di Colleferro

Ad Artena e nel distretto Asl di Colleferro sono partite le attività del progetto “Un’oasi nel deserto”. Il progetto dell’Associazione Scout d’Italia APS di Artena e Colleferro è stato finanziato dal bando “Comunità Solidali 2019” della Regione Lazio. E prevede la partecipazione del Comitato Centro Storico di Artena. Una parte delle attività, che si svilupperanno fino a novembre, è finalizzata a rendere il centro storico di Artena più solidale e sicuro. Sono note infatti le problematiche che devono affrontare gli anziani del posto e l’assenza di servizi come l’assistenza infermieristica. A questi problemi dà una soluzione basilare il progetto degli scout, che già in passato hanno operato in quel luogo in favore degli anziani con la consegna a domicilio di spesa e farmaci.

“Il progetto che è stato finanziato dalla Regione – afferma la presidente dell’Associazione Scout d’Italia APS, Federica Gianniniè volto a rendere più solidale il territorio in cui opera la nostra organizzazione e sarà realizzato con una forte componente di volontariato. In questo modo intendiamo fare la nostra parte per migliorare i luoghi in cui viviamo, mettendoci al servizio del prossimo”.

Il centro di assistenza alla popolazione del centro storico e il corso BLSD

L’iniziativa è partita a maggio, quando gli scout hanno aperto un centro di assistenza alla popolazione presso l’ex asilo di Santa Croce, nel cuore del centro storico di Artena. All’interno vi operano un animatore e un infermiere. Nell’ultimo mese il personale dell’Associazione ha risposto alle esigenze della popolazione e continuerà a farlo fino a novembre. Per questo gli scout hanno ricevuto i complimenti anche dall’assessore comunale al Terzo Settore Eleonora Palone e dal consigliere Augusto Angelini.

Nei prossimi mesi il progetto prosegue con un corso di formazione, rivolto ai residenti del centro storico, per il mantenimento dei livelli vitali delle persone in caso di emergenza (BLSD). Si tratta di un corso che ha la finalità di far apprendere ai partecipanti la sequenza di rianimazione di base nell’adulto in arresto respiratorio e/o cardiaco e le manovre da eseguirsi in caso di ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo. Il Corso permette anche di apprendere conoscenze e abilità relative all’utilizzo del defibrillatore semiautomatico.

Virginio Cece: “Tutto ciò è una conquista. Speriamo di poter attivare la consegna farmaci a domicilio”

“Avere uno spazio ricreativo a disposizione per persone di varie fasce d’età ma soprattutto un corso BLSD e un servizio di assistenza infermieristica basilare credo sia veramente una conquista” ha commentato Virginio Cece, presidente del Comitato Centro Storico di Artena. “Molte persone anziane inizialmente erano “distanti” – ha proseguito – ma poco dopo aver incontrato gli operatori dell’Associazione Scout hanno cambiato idea. A parte questa iniziativa, ad oggi nel centro storico non c’è alcun servizio che possa minimamente aiutare le persone in difficoltà: speriamo di poter riuscire ad attivare la consegna farmaci a domicilio e di coinvolgere soprattutto i giovani nei progetti”.

Il censimento dei “bisogni latenti” del distretto Asl di Colleferro

Le altre attività finanziate riguardano l’intero distretto Asl di Colleferro, la formazione della popolazione anziana e la promozione della creatività giovanile. Quanto alle attività distrettuali, l’Associazione sta portando avanti un censimento dei bisogni latenti della popolazione, a cui si può rispondere anonimamente anche tramite internet (clicca qui per compilare il questionario). Ad Artena inoltre i volontari dell’Associazione organizzeranno un corso dedicato agli anziani per l’utilizzo di internet e degli smartphone, con la finalità ridurre il digital divide.

I bandi per la promozione della creatività giovanile

Per i giovani dei Comuni del distretto Asl di Colleferro, inoltre, nei prossimi mesi saranno pubblicati quattro bandi finalizzati alla promozione della creatività. I bandi avranno l’obiettivo di sostenere le spese di produzione di quattro progetti ideati dai giovani tra i 16 e i 28 anni. Le idee saranno individuate tramite selezione. Ecco i temi dei quattro bandi: valorizzazione di un luogo pubblico tramite interventi artistici; trasmissione e documentazione dei saperi della popolazione anziana; racconto delle criticità ambientali tramite la fotografia; racconto del disagio giovanile tramite le arti figurative. Per ogni progetto vincitore di concorso verranno sostenute le spese di produzione (stampa, allestimento, montaggio, acquisto materiali) per un ammontare di 250 euro per progetto. Le opere saranno presentate in una mostra finale. I bandi in questione saranno pubblicati sul sito www.scoutditalia.it e su facebook.com/scoutartena

Metti "Mi piace" per rimanere aggiornato

Non perderti nemmeno una notizia Seguici su Google News

Comments are closed.