festa prodotti tipici lariano

Importanti risultati al Campionato Italiano di Tiro con l’arco Indoor per la S.S. Lazio Archery, che ha ad Artena le sue strutture sportive

di Cassandra – S.S. Lazio Archery
lazio archery campionato italiano

L’anno scorso il 47° Campionato Italiano Nazionale di Tiro con l’Arco Indoor fu l’ultimo evento sportivo svolto in “normalità”, già trapelavano le prime notizie del dilagare della pandemia che inquietarono tutti, dopo una settimana scattò il primo lookdown italiano; quest’anno avremmo preferito fare il 48°Campionato in un clima di ritrovata serenità e con alle spalle il periodo di lutto e di dolore che ci ha accompagnato per tutto l’anno, ma purtroppo ancora non è così.

Nonostante tutto lo sport può essere un incentivo a reagire ed a trovare la forza di superare tale impasse, e questo è lo spirito con cui si è svolto il Campionato Italiano Nazionale di Tiro con l’Arco Indoor 2021, sempre a Rimini, sede storica di tale evento, e con la regia sapiente dell’Arco Club di Riccione e la supervisione del Comitato Regionale Fitarco dell’Emilia Romagna. Il tiro con l’arco, caso più unico che raro, per la modalità con cui viene praticato, ha potuto beneficiare della possibilità di essere praticato durante tutto l’inverno, seguendo rigidi protocolli di sicurezza naturalmente. Questo ha permesso lo svolgimento delle gare di qualifica da cui sono stati selezionati gli atleti per l’appuntamento nazionale.

Lo svolgimento del Campionato è stato posto in essere nei Padiglioni della Fiera della città di Rimini, da giovedì 11 marzo fino al 14 marzo, sono state cambiate le modalità di tiro che hanno sempre previsto quattro atleti per paglione, quest’anno, come durante tutte le gare di qualifica, è stato dimezzato il numero di atleti per piazzola, messe tutte a distanza di sicurezza, gli atleti sono rimasti sempre con la mascherina ad eccezione del momento del tiro ed anche il recupero delle frecce è stato sempre eseguito con la massima sicurezza.

Chi era abituato a vedere i padiglioni avvolti da colori e persone, con gli stend dell’arcieria che presentavano le ultime novità e con i sostenitori degli atleti in gara, ha respirato un’atmosfera dimessa ed ovattata che però non ha assolutamente inficiato le performances degli 885 atleti presenti, spalmati su quattro giorni di gara. L’impegno e la voglia di mettersi in gioco è stata la solita di sempre e così è stato anche per gli atleti della S.S.LAZIO ARCHERY che si sono qualificati: due squad, la Master femminile Arco Compound con le atlete Loredana Battista, Concetta Gelfusa e Marcella Perciballi e la squadra Juniores Maschile Arco Compound con Mattia Bucci, Samuele Castagna e Diego Sanft, gli atleti Gelfusa, Sanft e Castagna si erano anche qualificati per lo scontro in individuale, cioè la selezione dei primi 18 atleti presenti in ranking list che si sono battuti ciascuno per sè stesso.

La squadra Master ha mantenuto il primo e poi il secondo posto per i tre-quarti di gara, poi un lieve cedimento nelle ultime voleè delle atlete, le ha collocate in un onorevolissimo terzo posto, anche i ragazzi abituati ad affrontarsi con atleti che sono in Nazionale, hanno difeso il il terzo gradino del podio fino all’ultimo. Per quanto riguarda la gara in individuale, che era la stessa della squadra, ma valutata per il singolo atleta, ognuno dei tre ha mantenuto la posizione di qualifica. Dunque due squadre, due medaglie di bronzo e questa è stata una grande soddisfazione sia per i partecipanti, assistiti durante la gara dal presidente ing. Francesco Colandrea e dall’atleta Maria Fratacci, sia per tutti i componenti della Società S.S.LAZIO ARCHERY che da lontano, in streaming, hanno potuto seguire le gesta dei compagni. Ora si passa all’outdoor con lo spirito di sempre di immutato entusiasmo e di ottimismo che può aiutare quando la vita pone grosse difficoltà e prove dolorose a grandi e piccoli.

Cassandra
S.S. Lazio Archery

Comments are closed.