L’altro giorno è emersa la verità sul motivo per cui l’isola ecologica di Artena, attesa da anni, è ancora chiusa

artena lavori pubblici isola ecologica valli

È l’opera più attesa di Artena dopo il Palazzetto dello Sport. Sull’isola ecologica delle Valli sono stati scritti fiumi di articoli, di dichiarazioni e pagine e pagine di delibere. Eppure è ancora lì, chiusa. La struttura è praticamente ultimata malgrado mesi, se non anni, di contrasti con i residenti, un errore iniziale nella realizzazione della strada e diversi esposti all’ex Provincia.

La si attende da ben prima che fosse individuato il terreno delle Valli per realizzarla. In precedenza il Comune l’aveva prevista a Macere, su un terreno comunale, ma fu spostata a gara d’appalto assegnata perché ci si accorse che vicino al sito dovrà passare la Bretella Cisterna-Valmontone. Dopo un primo momento in cui l’Amministrazione di Artena voleva mantenere l’affidamento, ha revocato la gara. Poi ha commissionato i nuovi accertamenti geologici e anche per quelli emersero alcune anomalie negli studi. Infine la nuova gara, l’esproprio di un pezzo di terreno per fare la strada d’accesso e i lavori.

Ora l’isola ecologica di Artena è praticamente finita. Da diversi mesi è lì ad attendere l’entrata in funzione. L’Amministrazione ha subappaltato l’anno scorso gli ultimi lavori da fare a una ditta che, secondo quanto sostiene la Consigliera Silvia Carocci, aveva partecipato alla gara ma ne era stata esclusa. Così la struttura è lì ad attendere il taglio del nastro ma di apertura non se ne parla. Ora finalmente si sa perché e la risposta è sorprendente.

La rivelazione dell’assessore Scaccia sull’isola ecologica di Artena

Nell’ultimo Consiglio comunale l’assessore all’Ambiente Carlo Scaccia ha rivelato l’arcano rispondendo a un’interrogazione di Silvia Carocci. In sostanza ha detto che l’isola ecologica è stata costruita su un tratto di fogna che va al depuratore e questo crea problemi ai fini della messa in esercizio.

Lo stesso assessore ha detto che sul posto sono stati fatti i sondaggi e la fogna non era stata trovata. “A breve – ha aggiunto – l’Acea farà i lavori per risolvere il problema”. Quando il Consigliere Costanzo Pompa ha obiettato che “la rete fognante esiste e non è che si fa un palazzo su una fogna”, l’assessore ha ammesso che “c’è stata colpa ma sono i tecnici che fanno il progetto e non l’assessore, la colpa è dei tecnici”.

Insomma i tecnici, i cui responsabili sono stati scelti dall’organo politico – e infatti anche all’epoca erano consulenti esterni -, hanno commesso un altro errore. Questa è la versione dell’Amministrazione. Così, mentre continuiamo ad aspettare l’apertura di una struttura essenziale nella raccolta dei rifiuti, non possiamo che domandarci se mai qualcuno pagherà anche per questo.

Metti "Mi piace" per rimanere aggiornato

Non perderti nemmeno una notizia Seguici su Google News

Comments are closed.