Mandalo ai tuoi amici

Segui La Nuova Tribuna su Telegram (clicca qui e iscriviti al canale) o su WhatsApp (clicca qui e registrati)


 

L’anno nuovo si porta a presso la crisi del 2021, con l’aumento dei prezzi di sementi, concimi e gasolio. Il presidente dell’Aspal: “Serio rischio di perdere altri posti di lavoro in agricoltura e la scarsità della manodopera potrebbe compromettere i raccolti”

Anno nuovo, stessa per l’agricoltura di Velletri e dintorni. L’arrivo del 2022 non ha cambiato molto per gli imprenditori agricoli, che lottano contro l’aumento dei costi e della burocrazia. A lanciare l’allarme è Stefano Giammatteo, presidente dell’Aspal, l’associazione degli agricoltori di Velletri. La situazione è la stessa anche ad Artena, Valmontone, Colleferro e via dicendo.

“In questo momento – dice Giammatteo – tutti i comparti del settore agricolo sono in sofferenza perché sono aumentati di molto i costi delle materie prime come concimi, sementi, gasolio e corrente. Inoltre è aumentato il costo del lavoro, anche per le ultime disposizioni sulla sicurezza, ed anche per nuovi adempimenti burocratici post covid”

“Tutto ciò però, non aiuta i datori di lavoro né braccianti” prosegue Giammatteo, secondo cui c’è “il serio rischio di perdere altri posti di lavoro in agricoltura, dove la scarsità della manodopera è un problema reale e preoccupante da quando è iniziata la pandemia. “La politica e i mezzi di comunicazione continuano a parlare di caporalato – aggiunge il presidente dell’Aspal – ma nessuno si è accorto che noi stiamo perdendo le aziende agricole, che sono la colonna portante di tutta la catena agroalimentare”.

La carenza di braccianti potrebbe portare a “compromettere i vari raccolti ed anche gli altri lavori stagionali in campagna” secondo l’Aspal. “A tutto questo dobbiamo aggiungere – dicono dall’Aspal – le gravi perdite di produzione, causate dalle fitopatie come la mor­ia del kiwi, e dalle continue calamità naturali come grandine, vento e gelo”. “Su tutte queste rivendicazioni continueremo la nostra azione anche nel 2022 – concludono -, in tutte le sedi istituzionali preposte. Fino ad ora però, dalla politica in generale non abbiamo avuto nessuna risposta ma solo indifferenza”.

Metti "Mi piace" per rimanere aggiornato

Non perderti nemmeno una notizia Seguici su Google News

Comments are closed.