Artena tra opportunità e diritto. Imperioli: “Dimettetevi”. Talone riorganizza il Comune

Mandalo ai tuoi amici

In attesa dell’interrogatorio di garanzia, tra cittadini e politici di Artena si accende il dibattito fra “garantisti” e “giustizialisti”. L’opposizione chiede le dimissioni e il vice sindaco riorganizza la struttura comunale

comune di artena

Gli arresti eseguiti la scorsa settimana ad Artena hanno colpito e turbato la popolazione. Sui social e nelle piazze si parla soltanto di due cose: coronavirus e arresti. Ci si chiede come si andrà avanti, ci si preoccupa dell’immagine della città e si cerca di capire di più sulle ipotesi di reato che hanno portato ai provvedimenti cautelari (leggile qui).

Nella città l’Amministrazione ha vinto le elezioni una lista di minoranza che è arrivata al 38,6%. Ora il già minoritario gradimento del governo cittadino ha subito un colpo. Ci si divide però tra chi è indolente e più preoccupato dal coronavirus, chi ritiene che le dimissioni siano d’obbligo, chi le vede come un’ammissione di colpa, chi aspira a nuove elezioni e chi invece vuole tirare dritto.

Il dibattito in piazza

“Credo che in questo momento sia opportuno che il sindaco si dimetta perché deve dedicarsi a dimostrare la sua innocenza” è l’opinione di Antonio, artigiano di Artena, durante una discussione in piazza con altri compaesani. “Questo è quello che dicono i giustizialisti – replica Giuseppe, commerciante – invece è la Magistratura a dover dimostrare la colpevolezza: se il sindaco si dimette vuol dire che ammette di essere colpevole”.

“No, si deve dimettere – è la controreplica – perché quanto accaduto è una vergogna per la città, poi se un giorno ci sarà la sentenza di assoluzione potrà dire che chi oggi lo ha accusato e criticato stava sbagliando”. “Solo se ha fatto ciò per cui lo accusano si deve vergognare e dimettere, altrimenti deve rimanere al suo posto: dimettendosi passa per colpevole e, se tra qualche anno vincerà in Tribunale, chi si ricorderà che invece era innocente?” è l’ennesima replica. E così per tutta la mattinata. Accanto alle discussioni di piazza ce ne sono altre. Si tratta delle prese di posizione dell’opposizione, delle valutazioni della maggioranza e di quelle che potrebbe fare il Prefetto sul futuro dell’Amministrazione.

Continua la lettura

Accedi o abbonati per leggere di più
Vuoi pagare in contanti? Acquista l'abbonamento nelle edicole di Artena

Metti "Mi piace" per rimanere aggiornato

Non perderti nemmeno una notizia Seguici su Google News

WhatsApp Contatta La Tribuna